?

Log in

No account? Create an account
 
 
18 December 2010 @ 02:57 pm
Yume 2  

Titolo:  YUME 2- Siamo fatti della stessa materia con cui sono fatti i sogni... -

Fandom: Kat-tun 
Parte
:Oneshot
Parole:  2600 Ca

Rating
: G

Pair
: JunDa  

Desclaimer
I nomi non sono miei, i personaggi si
Warning
: Yaoi, boy's love, shounen ai, chiamalo come vuoi

Note
: Beme, eccomi qua con un'altra junda xD l'ho chiamata YUME 2 perchè in qualche modo si collega con la prima YUME che, se volete, potete trovare da qualche parte nel mio journal sotto la tag 'ficci'.. per il resto, potete benissimo leggerla come storia a sè ^^ Buona Lettura!!!!


 

“...E la nostra piccola vita è avvolta nel sonno”  

 

Il rimbombo delle sue parole, ‘Andrà tutto bene’, si andò a mescolare con i battiti irregolari del suo cuore.

 

- Osaka, XVIII secolo –

 

Sua Maestà Imperiale..” mi chiamò un uomo inchinandosi di fronte al mio baldacchino “..lo shogun vorrebbe incontrarla, oggi stesso”

Alzai il viso: attraverso quei veli di seta che circondavano il mio futon, cercai di captare qualche raggio di luce.

Il mio palazzo sfavillava di pietre preziose e di ricami dorati, ma la luce del sole non osava penetrarci. E io la bramavo più di ogni altra cosa.

Non è calore, quello che si percepisce sfiorando quelle fredde lenzuola di lino.

Non mi era permesso nemmeno di uscire. Questo era un periodo di grande instabilità per il paese e più volte avevano attentato alla mia vita.

Ma cosa volete? Non sono io che decido per il mio popolo. Non più.

Alla fine, avevo persino dimenticato i colori delle stagioni.

Scansai con le dita quei veli soffocanti.

“D’accordo. Ditegli che lo attenderò con ansia.”

 

Camminai a passo veloce lungo i corridoi stretti del palazzo. Non c’era un suono, se non quello della mia veste che frusciava sul tatami.

Quando aprii l’anta che dava sulla stanza principale del palazzo, lo shogun spostò il viso da una stampa sul muro verso la mia figura.

“Questo decoro deve essere prezioso” sentenziò con un sorriso beffardo.

“Può essere” risposi. Si avvicinò e poi chinò il capo, “Sua Maestà Imperiale” disse.

Lo guardai: quanta ipocrisia, pensai.

“Da quand’è che l’imperatore non si fa aprire la porta dai propri servi?”

“Loro sono solo umili amici” risposi, e volsi lo sguardo verso la geisha che lo accompagnava. Lei chinò il viso, e le perle che gli ornavano i capelli tintinnarono agitate.

Lo shogun parve interessato a quell’argomento e rise ironico.

“Umili amici? Sono solo schiavi”

“Siamo tutti schiavi, perché condividiamo la stessa sorte, o sbaglio?”

Quell’uomo si piccò a causa delle mie parole.

“Voi, guida spirituale del mio paese, non dovreste parlare di morte”

Sorrisi.

“E’ stato un caso che io sia imperatore. Come è stato un caso che voi foste shogun.. e la ragazza..” dissi indicandola “.. il suo spirito è nobile quanto il mio”

Lo shogun diventò improvvisamente rosso di rabbia e prese la geisha per un braccio, buttandola a terra.

“Eccolo il suo nobile spirito!” gridò, e mi diede le spalle “l’ho beccata a rubare nelle mie cantine e ho pensato che potesse essere una buona moglie per voi, che nemmeno avete mai pensato ad un erede” poi si avviò verso l’uscita.

“Immagino che non ci sarà nessuno che mi aprirà la porta di questo dannato castello” disse gelido.

Mi avvicinai a lui, e gli spalancai l’anta.

Yoroshiku onegai shimasu” dissi chinando leggermente il capo. Quello mi guardò gelido e se ne andò senza dire nulla.

 

Quando mi voltai, quella ragazza fasciata da un kimono rosa perlato era ancora a terra.

Mi avvicinai, ma sembrava spaventata dal mio tocco.

“S-Sua Maestà..” disse solo, chinando di più il capo, fino a toccare la fronte col terreno.

Osservai la sua figura socchiudendo gli occhi, poi presi il suo viso e la costrinsi a guardarmi. I suoi occhi erano del colore dell’oscurità. La stessa che attanagliava la mia esistenza.

“E’ vero che hai rubato, ragazzo?” chiesi senza dare alcun tono alla mia voce.

Restò incerto qualche istante, poi annuì tremando. Il mio popolo muore di fame.

Presi un lembo della mia veste e gli tolsi quella maschera bianca che gli nascondeva la pelle del viso.

Chiuse gli occhi, e quando ebbi finito li riaprì.

“Perché?” gli domandai.

Esitò di nuovo. I suoi occhi chiedevano perdono.

“Lo shogun sa che sei un ragazzo?” chiesi ancora “Basta che tu muova il capo”.

Scosse la testa. Sorrisi.

Perfetto.

“Ti vestirò da uomo, e poi sarai libero” dissi alzandomi “Andrà tutto bene, nessuno ti riconoscerà”

“No!” disse implorandomi e mi afferrò un lembo del vestito “Vi prego, per ringraziarvi, permettetemi di essere vostro servo”

“Io non ho servi”

“Allora sarò vostro amico, perché non posso darvi l’erede che cercate”

Non cerco eredi, avrei voluto rispondere, ma non potevo. Perché quello di continuare la stirpe era rimasto il mio unico dovere.

Tornai ad accucciarmi e gli sfiorai una guancia.

“Fatemi restare”

Perché vuoi essere anche te intrappolato in questa gabbia di cristallo?

Continuai a toccargli il viso, che pian piano diventò rosso. Il calore del corpo umano mi era sconosciuto e quel piccolo fuoco che ardeva davanti a me mi apparve della stessa consistenza del sole, e i suoi occhi le macchie solari, che lo rendono ancora più bello alla vista.

“Sono i tuoi capelli questi?” chiesi, sciogliendoli dal fermaglio che li legava, e questi scesero fino alle sue spalle, neri come la notte, e la frangia andò a confondersi con le iridi.

Annuì. “Mi travestono da donna da quando sono piccolo..” disse e notai nella sua voce uno sforzo, come se quel ricordo gli provocasse dolore “Mia madre mi lasciò dicendomi che le geisha non avrebbero avuto molti problemi da affrontare, perché se fossi rimasto uomo mi sarei dovuto arruolare, mentre così avrei solo dovuto trovare un danna per mantenermi.. ma ovviamente.. io sono un uomo, e quando lo scoprivano..” ma lasciò la frase in sospeso, mentre il suo sguardo sembrò perdere consistenza e perdersi in qualche ricordo passato.

Quelle parole sembravano uno sfogo. Come se la sua esistenza, oltre ad essere stata priva di libertà, fosse anche fatta di sola carta, imbevuta solo dai sette colori della luce.

Immaginai di poterci costruire un piccolo aeroplano, e di farlo volare in alto, fino a confondersi col sole stesso.

Sorrisi.

“Che ne dici se sarò io il tuo danna d’ora in poi?”

Quel ragazzo sbarrò leggermente gli occhi, poi le sue guancie esplosero, di un colore simile a quello del tramonto.

“Sua.. Maestà.. io..”

“Allora è deciso!” conclusi e lo feci alzare prendendolo per mano “D’ora in avanti io sarò solo Junno per te, d’accordo?”

“J-junno..” ripeté con uno sforzo.

“E il tuo nome?”

“Nome?”

“Sì, come potrò chiamarti?”

“Tatsuya..”

Tatsuya.. un nome forte come la sua anima, lo immaginavo.

 

Lo condussi nelle mie stanze e lui ne rimase incantato.

Gli dissi che poteva intanto accomodarsi, mentre io cercavo qualche vestito adatto a lui, e si sedette su un cuscino, accanto al mio futon. Avevo anche troppi capi nei miei cassetti, e non fu difficile trovarne uno adatto alla sua statura.

Sorrisi: ne avevo scelto uno rosso, con sopra ricamato un drago in una qualche tonalità inferiore a quella del tessuto.

“Ecco, ti piace questo?” chiesi e mi avvicinai.

Lui annuì.

Presi a sciogliergli i nodi del kimono, mentre lentamente il suo corpo si adeguava ai miei tocchi, fino a rilassarsi completamente, quando sfilai le maniche.

Restai a guardare un momento la sua pelle rosata. Il cielo primaverile non aveva mai avuto un colore così bello.

Notai una chiazza più rossa, sul suo braccio, nel punto in cui lo shogun lo aveva afferrato. Ci passai prima un dito, poi lo sfiorai con le labbra, e il suo corpo rabbrividì.

“Non è la prima volta che qualcuno ti tocca, no?” chiesi.

Abbassò lo sguardo.

“Veramente sì.. non ho mai permesso a nessuno di farlo”

Fissai i suoi occhi, che cercavano di sfuggire ai miei.

“Sei stato una brava geisha allora”

Sorrise, i suoi occhi brillarono per un istante.

“Non è per il fatto di essere un’artista o meno..”

Annuii e sorrisi di rimando, poi poggiai le mie labbra di nuovo sulla sua pelle e presi a risalire il suo braccio, sfiorandolo appena. Trattenne il fiato.

“Junno..” sussurrò.

Lui era diverso. Lui non aveva paura di pronunciare il mio nome.

“Non ti farò del male” gli dissi, non appena arrivai a baciare il suo collo, che lui piegò, come ad incitarmi ad andare avanti. Portai una mano dietro la sua schiena e lui la inarcò, mentre lentamente lo distendevo sotto di me.

Era tutto come una danza perfetta. Io conducevo e lui si adattava ad ogni mio movimento e mi seguiva.

Eppure era tutto troppo familiare.

“Tatsuya, non ti sembra che ci siamo già conosciuti tempo fa? Magari in una vita passata..”

Non rispose, ma annuì debolmente. Il suo piccolo cuore batteva irregolare sotto alle mie dita. Non volevo spaventarlo, così gli spostai la frangia e baciai dolcemente la sua fronte, poi mi sedetti accanto al suo corpo.

“Che dici se ti spunto un po’ i capelli?” chiesi, andando a cercare un coltellino.

Lui si alzò dal letto e in poco tempo si mise quei vestiti che gli avevo preparato. Non aveva ancora riacquistato il suo normale colorito e io ne risi.

Si portò veloce le dita sulle guancie rosate, come per voler nascondere un peccato.

“Scusami, è colpa mia” dissi sfiorando i suoi capelli “Poi posso tenere una ciocca?” chiesi sorridendo.

Annuì e si voltò.

“Il tuo castello è strano..” disse, con la voce che ancora tremava un po’.

“Perché?”

“E’ tutto molto luminoso.. ma.. la luce che entra viene sempre filtrata da vetri colorati o offuscati..”

“Non ti piacciono i colori?” gli chiesi, col fiato sospeso, perché lui aveva già capito tutto, e rinfilai il coltellino nella sua fodera.

“Sì..” disse con la voce che rideva “Ma preferisco quello del tramonto”

Restai un secondo in silenzio, e gli finii di sistemare i capelli.

“Non lo ricordo.. il colore del cielo quando tramonta il sole” dissi poi.

“Non puoi uscire di qui.. vero?” mi chiese. Annuii, ma lui non poté vedermi. “Perché?” chiese.

Esitai. Non volevo parlare di questo argomento, ma lui mi aveva parlato un po’ della sua storia, e io volevo ricambiare.

“La mia vita è in pericolo da quando sono piccolo.. lo shogun.. vuole il paese tutto per sé, ed è per questo che ha costruito questo palazzo e mi ci ha relegato all’interno”

Abbassò il capo.

“Vorrei..” disse “..vorrei poter rubare un po’ di cielo, e donartelo, insieme ai raggi del sole”

Lo feci voltare e senza dire niente lo strinsi a me, e gli baciai le labbra rosa e piccole, come si bacia un fiore di pesco appeso al suo ramo. Lui chiuse gli occhi, ma non arrossì.

“Questa sera, quando gli uomini del mio palazzo staranno cenando, e le loro menti saranno inebriate dai vapori del vino.. io e te usciremo di nascosto, e, insieme, ci godremo le sfumature del sole che muore. Vuoi?”

Un’ombra passò un secondo sui suoi occhi. E’ pericoloso, sembrava volesse dirmi.

“Ti prego..” dissi, e lo baciai una seconda volta.

 

L’aria serale entrò con forza nei miei polmoni.

Tenevo la mano di Tatsuya, e intanto correvo lungo il muro esterno del palazzo, nascosto dagli occhi delle sentinelle che camminavano lungo la recinzione.

“E’ quasi ora!” gli sussurrai, senza riuscire a staccare gli occhi dal cielo. Tatsuya sorrise alle mie spalle e strinse di più la mia mano.

Lo portai sul giardino posteriore e rimasi stupito dalle piante che, in tutto quel tempo, erano cresciute a dismisura.

“Non venivo più qui da quando mio padre era ancora vivo.” Dissi e, titubante, mi staccai un po’ dal muro del palazzo e mi addentrai verso quella radura artificiale.

“Come ho fatto a dimenticarmi di questi colori” dissi sospirando, con tono melanconico.

“Se dici così, vuol dire che non li hai mai dimenticati veramente..” disse lui.

Risi, come fosse una liberazione.

Poi, improvvisamente, qualcosa fischiò vicino al mio orecchio destro. Non feci in tempo a rendermi conto di niente che Tatsuya mi spinse più in là, mentre un altro coltellino vibrò a pochi centimetri dal mio volto.

“Sua Maestà!” gridò qualcuno, forse una sentinella dalle mura esterne. Tatsuya mi prese per un braccio e mi spronò. Iniziai a correre.

 

Quando raggiunsi il portone principale, le guardie del mio palazzo mi accerchiarono.

“Sua Maestà Imperiale! State bene? Perché siete uscito senza permesso?” chiedevano, ma non erano arrabbiate.

Io invece sì.

“Dov’è il ragazzo che era con me?” chiesi, quasi gridando. Quelle si guardarono intorno.

“Sono qui..” disse Tatsuya facendosi largo tra di loro. Lo presi per un braccio, forse gli feci male, e rientrai dando ordine che nessuno si avvicinasse alle mie stanze per tutta la notte.

“Junno.. mi dispiace” mi disse Tatsuya, una volta che si fu chiuso alle spalle l’anta della mia camera.

Scossi la testa. Quello che avevo intravisto nella semi oscurità del tramonto, quel ninja che aveva voluto spaventarmi, non uccidermi, era un fidato dello shogun.

E la rabbia con cui mi ero rivolto ai miei uomini mutò in un singhiozzo. E Tatsuya mi abbracciò, riscaldando la mia notte.

 

Mi svegliai con un sussulto. Era di nuovo mattina. Una strana sensazione mi attanagliò. Cos’era quel vuoto?

“Tatsuya?” chiamai flebilmente, tastando il futon. Mi alzai di scatto e scansai veloce i veli del baldacchino. “Tatsuya?”

Fuori dalla mia camera si sentiva un certo trambusto.

Qualcosa non quadrava. Cos’era quel sentimento di soffocamento che provavo?

Improvvisamente qualcuno spalancò l’anta della mia camera e piombò all’interno ansimando.

“Tatsuya.. cosa?” il mio cuore si fermò. Le sue mani erano imbrattate di sangue.

“Junno..” disse ridendo “Lo shogun.. non c’è più.. sei contento?” e si fiondò tra le mie braccia.

Lo strinsi, macchiando anche i miei vestiti di rosso.

“Cosa hai fatto..?”

Non rispose.

“Cosa hai fatto!?” gridai e lo sentii piangere. Gli afferrai il volto e presi a baciarlo avido, come se quel contatto violento potesse in qualche modo contaminare il mio corpo con quella colpa e, in qualche modo, redimere il suo.

“Tatsuya..” dissi piano.

“Mi cercano..” disse lui e si staccò bruscamente “Non mi devono vedere qui, te non sei coinvolto”

Poi dei forti rumori di passi e di armi mi fecero rabbrividire. Lo afferrai e lo gettai tra i veli oscuranti del mio futon.

Cadde all’indietro. “Andrà tutto bene” gli dissi, e poi i suoi occhi scomparvero tra la seta.

Mi voltai di scatto.

“E’ l’imperatore!” gridò il mio generale sguainando la spada “E’ lui l’assassino!”

“No!!”

“Tatsuya, va via!”

“Non me ne vado!” e il generale lo uccise, sotto i miei occhi, come si recide lo stelo di un fiore.

Restai pietrificato. Nemmeno le lacrime possono uscire dalla pietra.

E lo osservai a terra, come dormiente, mentre il drago ricamato sul suo petto diventava nero.

 

- Tokyo, XXI secolo –

 

Mi svegliai di soprassalto, sotto le mie braccia c’era un letto, bianco e bagnato dalle mie lacrime.

Tatsuya..

Lui era là, e dormiva in quel letto d’ospedale. Il ricordo della sera prima, di quando si era ferito al piede durante il live esplose vivido nella mia mente.

Era solo un sogno, continuai a dirmi. Era solo un lungo, complicato sogno.

E tornai a sorridere, asciugandomi il viso.

Decisi di alzarmi e di andare a comperare qualcosa da bere. Avevo la gola veramente asciutta.

 

Quando tornai lui era già in piedi, e stava aprendo la finestra, lasciando filtrare la luce dell’alba.

“Tatsuya! non puoi alzarti!” gridai, e lui si voltò, spaventato.

 “Junno..” mormorò e scoppiò a piangere. Lo abbracciai.

“E’ tutto apposto, stai bene.. sei solo caduto durante il tuo solo.. ‘Marie Antoinette’” dissi, cercando di discernere la realtà dal sogno.

 “Junno.. Ti amo”

“Anche io ti amo, Tatsuya.. ma cos..?”

“Non importa” mi interruppe sorridendo “Andrà tutto bene, ora..”

 

 

Non importa quanto sia lunga questa notte,

la mattina arriverà sicuramente.

 

Queste lacrime diventeranno presto dei sorrisi.

Non perderti tra di esse,

Io sarò con te.

  

Postfazione: Della serie ‘lenta come le lumache’ xDD Ma l’importante è il risultato.. accettabile(? xD).

A me è piaciuta scriverla.. così come immaginarmi scene che poi alla fine non ho messo xDD

Gomennasai, niente sesso questa volta u.u Oppure c’è stato ma l’ho abilmente nascosto? Mah mah.. xDD Vabè.. sono proprio fusa dal compito di matematica di questa mattina .-. Fortuna in sole!! (eh, ha fatto il suo dovere diciamo :P).. E ora mi aspettano due settimane super piene.. ma dov’è il natale??? T.T Fortuna Kazuya con la sua nuova porcata canzone xDD

Direi che ho scritto cose senza senso.. ma questo non doveva essere un commento alla ficci? O.o

 

Ps. Mi scuso con l’incongruenza per il titolo del singolo di Ueda, ma devo attenermi alla prima Yume. Comunque il vero singolo in cui Ueda si ferì è ‘Rabbit or Wolf’, ma ovviamente non posso modificarlo xDD
 

 

Commenti sono <3
 
 
Location: Ueda's heart <3
Mood: artisticartistic
Music: Bonnie Butterfly - KK
 
 
 
eos_92eos_92 on December 18th, 2010 02:31 pm (UTC)
Che dirti? Hai sempre la mia approvazione! Diciamo che con questa ficcina ti sei prrprio sbizzarrita! ^^
Un bacio!
Cry-Chan desu <392missmurder92 on December 18th, 2010 04:55 pm (UTC)
ahah grazie bella ^.^

allora per domani che facciamo?? <3<3
eos_92eos_92 on December 18th, 2010 07:29 pm (UTC)
Da me verso mezzogiorno?? Cmq... ti mando un sms di conferma! <3
Cry-Chan desu <392missmurder92 on December 19th, 2010 09:20 am (UTC)
ma avete tutti i telefoni spenti?? xD comunque a me va bene ^^ allora a mezzogiorno?? ^^
eos_92eos_92 on December 19th, 2010 09:22 am (UTC)
Sì sì mezzogiorno!! Ti ho mandato un sms rguardo il regalo di Raki, l'hai letto??
Kiss!
silviatheangelsilviatheangel on October 3rd, 2011 07:56 pm (UTC)
questa è la fanfic che adoro di più,tra tutte quelle che hai scritto ^^
Cry-Chan desu <392missmurder92 on October 3rd, 2011 08:18 pm (UTC)
davvero??? *w* uaaaau!!!! <3 grazie ^^

chu chu!