?

Log in

No account? Create an account
 
 
01 May 2011 @ 03:55 pm
[Fanfic] - No more pain - Cap.4  
Titolo: No More Paiи
Parte: 4/8 
Parole: 
970 Ca
 
Gruppo: 
Kat-tun

Coppie: 
JinDa 

Genere: 
introspettiva, angst, romantica
 
Rating:
NC-15  

Disclaimer:
I nomi non sono miei, i personaggi sì
Warning: Yaoi, boy's love, shounen ai, chiamalo come vuoi
Note: Ringrazio tanto Rory-chan per questa ficci ^o^ Per i suoi commenti e perchè continua a sopportarmi :P



 

 

Capitolo 4

 

Uno squillo lontano, quello del telefono?

Tatsuya aprì gli occhi.

Il sole era appena sorto.

Possibile che lo chiamassero sempre a quell’ora mattutina?

Uscì dalle coperte e si trascinò malvolentieri verso il cellulare, dimenticato da qualche parte in soggiorno.

Poi lo trovò e rispose schiarendosi la voce.

“ehm…pronto?” disse con gli occhi ancora chiusi.

Aveva dormito bene quella notte e sentiva il suo corpo proprio in forma.  

“Tatsuya, sei te?”disse la voce dall’altra parte del telefono.

A Ueda quasi cadde il telefono di mano.

“Jin? Come hai il mio numero?”chiese col fiato che gli mancava.

“Semplicemente hai ancora lo stesso numero di dieci anni fa! Dall’America non potevo certo chiamarti, ma ora che sono tornato… comunque ti va di fare colazione insieme? Sei libero oggi, no?” concluse Jin ansioso.

Se ne stava supino sul letto, con solo la testa che ciondolava verso il basso.

Mi occorre sangue al cervello, aveva pensato prima di comporre il suo numero.

“c-certo, come ai vecchi tempi” rispose Ueda spalancando completamente gli occhi.

“Sì, Tatsuya, come ai vecchi tempi”

 

Decisero di incontrarsi in un bar lungo il fiume Tama.

Anche se l’appuntamento era fissato per le nove, Tatsuya uscì di casa con largo anticipo.

Aveva deciso di fare una corsa all’aperto, di come non ne faceva da parecchio.

In quegli ultimi tempi infatti si era allenato solo in luoghi chiusi, correndo sulla cyclette e alzando pesi, ma quella mattina sentiva il bisogno di aria fresca.

Come mai questi cambiamenti improvvisi?, aveva pensato, prima una notte tranquilla e ora mi viene voglia di aria aperta.

Forse stava cambiando, o semplicemente stava tornando il vero se stesso.

Si fermò a riprendere fiato e guardò l’ora: le 8 e trenta, forse era ora di rientrare e farsi una doccia.

Un bambino gli si avvicinò.

“signore, lei è un boxer, vero? L’ho visto alla tv.”

Tatsuya si accucciò e annuì.

“fooorte! Anche io da grande voglio fare il pugile e avere una vita come la sua!”disse mostrando i pugni.

Ueda s’incupì, la sua vita non era certo da imitare.

Poi la madre lo richiamò e il ragazzino fuggì via.

Ueda si rialzò e lo vide allontanarsi mano nella mano con sua mamma.

Perché era finita in quel modo?

Jin glielo aveva chiesto il giorno prima.

‘Tatsuya chi sei diventato?’

Qualcun altro, avrebbe voluto rispondere.

Ricordò la sua infanzia, si ricordò di aver volato, come?

Se l’era scordato.

Tornò a casa, o meglio al suo appartamento, e si lavò di fretta.

Quando arrivò di corsa al luogo dell’appuntamento vide Jin che stava fumando appoggiato a un albero.

“scu..scusa” ansimava “ho avuto un contrattempo”

L’altro sorrise.

Poi si avviò verso un tavolinetto all’aperto seguito da Ueda ancora piegato in due per la fatica.

C’era un leggero venticello, piacevole dopotutto.

Ordinarono un succo e un cornetto.

Tatsuya osservò il suo bicchiere un istante.

La sua dieta gli vietava di assumere zuccheri in eccesso.

A colazione: un bicchiere di latte e massimo due biscotti.

 Jin lo osservava, attento.

Poi Ueda si decise e scolò il bicchiere tutto d’un fiato.

“cameriere! Un altro, grazie!” urlò verso il tizio che prendeva ordinazioni qualche tavolo più in là.

Jin si mise a ridere.

“ma non dovresti stare attento alla dieta, te?” disse.

“al diavolo”

Il cameriere arrivò subito col bis.

“sai per il film…”iniziò Jin “io ho accettato di prenderti nel cast, ma ovviamente non ho sentito il tuo parere” 

Tatsuya alzò il viso e lo guardò.

“posso scegliere?” disse.

L’altro annuì, forse un po’ malvolentieri temendo la risposta.

Il collo di Ueda iniziò a pulsare.

“se sei te il regista, lo faccio” rispose e finì anche il secondo bicchiere.

Jin trattenne il respiro, e portò un bracciò a coprire il viso, perché sorrideva, tanto.

“che c’è?” chiese Tatsuya guardandolo attraverso il vetro opaco del suo bicchiere.

“niente…sono felice.”rispose, poi tornò serio.

“comunque qual è stato il tuo contrattempo? La tua ragazza..?”

E nel dire quella parola volse lo sguardo a terra, e notò una formica che portava sul dorso un enorme pezzo di pane.

Quanta forza, pensò.

Tatsuya lo guardò e i suoi occhi si velarono leggermente.

“no…e poi io non sono fidanzato.” rispose secco.

Aveva deciso di essere sincero con lui e di iniziare a vivere da solo la sua vita.

“e non voglio nemmeno sposarmi, decisamente no.” concluse sbattendo il pugno e sporgendosi leggermente verso l’altro, che nel frattempo aveva incrociato il suo sguardo con quello di Ueda.

“tatsuya…” disse, poi soffocò una risata.

Ueda fece una strana espressione interrogativa.

“non sei cambiato per niente, grazie al cielo” concluse alzandosi.

“dove vai?”Chiese Ueda agitandosi.

“c’è qualcuno che ti cerca, meglio che io vada”rispose e si abbassò scoccandogli un bacio sulla guancia.

Tatsuya arrossì di colpo e osservò la sua schiena allontanarsi, soffermandosi forse un po’ più in basso.

“tat-chaaan!” squittì qualcuno da lontano.

Ueda si voltò: ancora lei.

Possibile che arrivava sempre nei momenti meno opportuni?

Gli si avvicinò saltellando e si alzò sulle punte, intenzionata a baciarlo sulla guancia, la stessa che aveva un attimo prima incontrato le labbra di Jin.

Ueda si allontanò di botto lasciandola a mezz’aria.

“chi ti ha dato il permesso di chiamarmi così? E da quando mi baci sulla guancia?” gli disse brusco.

Ryoko rimase interdetta.

“beh…veramente credevo che dato che stiamo insiem…”

“noi non stiamo insieme.”la interruppe Ueda.

“ma, ma…Fujigawa-san ha detto…”

“e chi è?”

“il tuo manager” rispose scioccata.

Ah, pensò Ueda, vero, me l’ero scordato.

“quindi l’avrebbe deciso lui” continuò “ma nessuno ha chiesto la mia opinione, né la tua a quanto pare.”

“tat-ch…Tatsuya-san ma sono più di tre settimane che ci vediamo, solo ora…” iniziò misurando le parole.

“meglio tardi che mai” concluse il ragazzo dandole le spalle e incamminandosi sul marciapiede.

Fuori una, ora vediamo di sistemare anche questo Fuji-qualcosa, pensò.

Certo che il nome ‘Fuji’ non gli si addice proprio.

Tsuzuku...^^


Tags: ,
 
 
Mood: stressedstressed
 
 
 
silviatheangelsilviatheangel on May 2nd, 2011 08:37 am (UTC)
forza Jin! ueda è tutto tuo!

Ueda finalmente hai mostrato le palle!
(ma che francesismi.....XD)

mi piace molto! continuala cry!

un bacione <3
Cry-Chan desu <392missmurder92 on May 2nd, 2011 04:34 pm (UTC)
sìììì vai jin x°D
grazie per il commento *____*

chu chu! <3
eos_92eos_92 on May 2nd, 2011 06:42 pm (UTC)
Ghyaaa!! Adoro il Jin dolciotto e ben misurato di questa fic ^^
Ma.. come diciamo di questo periodo, dato che la trama la sappiamo ci soffermiamo sulle parole, quindi:

"Ricordò la sua infanzia, si ricordò di aver volato, come?
Se l’era scordato." -> Bellissimo! Volare.. credo che ogni uomo desideri farlo! So che Ueda riuscirà a volare ancora.. insieme a Jin!

"Il collo di Ueda iniziò a pulsare." -> strana espressione! Di solito si dice, il cuore, il petto, la testa.. ma il COLLO.. credo di non averlo mai letto xD Davvero originale complimenti!

Tenerissimo il pezzo in cui Jin gli scocca il bacio sulla guancia, così discreto! Anche perché si dilegua per fare spazio dall modella.. lui, portatore della vecchia e della nuova vita, si mette da parte, fino a quando non sarà il momento giusto! Adoro questo ragazzo ^^

Beh.. passo al prossimo capitolo!
Grazie davvero per averla postata! Anche se te l'avrei potuta richiedere in qualunque momento xD Mi fa piacere rileggerla ora!

Ti voglio bene <3
Cry-Chan desu <392missmurder92 on May 2nd, 2011 07:26 pm (UTC)
eheh grazie tesora!! xD

Quella del collo è proprio una cosa strana in effetti o.o chissà come mi è venuta in mente :P

Al prossimo cap x°D Un bacio!!!!!! <3<3
sylviakunsylviakun on May 3rd, 2011 12:19 pm (UTC)
bene vedo che jin e' un'ottima medicina x ueda che finalmente ha deciso di tornare a VIVERE .
adesso xo' bisogna togliere di mezzo quella rompiballe XDDD!
ma chredo che ueda abbia gia' qualche idea x liberarsi di lei XDDD!
p.s. non ti preoccupare lo trovo il tempo x comm. le tue bellissime ficcy ^^
kisu ^^
Cry-Chan desu <392missmurder92 on May 3rd, 2011 12:26 pm (UTC)
ahah proprio la medicina adatta ^^ ma... la tizia è già fuori!!! l'ho eliminata nel capitolo 4 senza troppe cerimonie in effetti xD poverina! :P

Grazie cara ^^ sono felice! Un bacio!!!!